Home - i/stanze - tecnologi@scuola

di Marco Guastavignasopravvivere al 2.0

  • mag 2018 - Vent’anni dopo, a gamba tesa - Scrivo per non urlare. Per non urlare il mio sdegno per le sorti della nostra Repubblica, sempre più ostaggio della personalizzazione, della demagogia, ...
  • dic 2017 - Dai più migliori ai pessimissimi - Ancora una volta rendiamo pubblico un documento riservato. Si tratta dell’European Liberist Framework for the Digital Competence of Educators. Lo scritto che i ...
  • gen 2017 - Steve Jobs Act - Abbiamo ricevuto in via riservata alcuni frammenti dell’ultima produzione del Think Tank internazionale “Egemonia digitale e controllo delle menti”, ...
  • ott 2016 - Concetti contrastivi - E così ci siamo: il “digitale” è diventato obbligatorio. Se non come azione didattica, certamente come caposaldo della formazione degli ...
  • gen 2016 - Desistere Desistere Desistere - Sono disponibili ad assumere il loro compito senza avere la precisa certezza di essere retribuiti, dimostrando di essere i primi a prendere in scarsa considerazione il ...
  • giu 2015 - Continuavano a chiamarla Maturità - Sono le 9.34 del mattino del 17 giugno 2015, il giorno dopo che – senza contraddittorio alcuno e con il consueto intervento mediale presso un conduttore la cui ...
  • gen 2015 - Self-made slave - Qualcuno rubrica la presunta esternazione come -reiterata - leggenda urbana. Bill Gates avrebbe fatte proprie le 11 regole enunciate nel 1996 in ...
  • nov 2014 - I had a nightmare... - Mi sono recentemente apparsi in sogno – in un frastornante mix di presente e passato - il ministro delle riforme istituzionali e quello per la semplificazione ...
  • nov 2014 - Pubblicità ingannevole - Sono ormai molte le varianti assunte dall'autoreferenzialità che impedisce a molte comunità scolastiche di esercitare il senso critico nei confronti ...
  • giu 2014 - Copia e incolla - C'è chi non sa come incastrare (sic!) Bertolt Brecht nel muro di Berlino. C'è chi afferma candidamente che gli sembra sprecato comperare un libro ...

Di che cosa parliamo

La rubrica vuole essere presidio del senso critico, contrastare i diversi elementi della deriva demagogica dell’innovazione tecnologica: pensiero pedagogico unico, marketing concettuale, darwinismo digitale.

L'autore

Insegnante di Scuola secondaria superiore e formatore, si occupa da quasi trent’anni di “nuove” tecnologie e rappresentazioni grafiche della conoscenza. Traccia la sua attività intellettuale in www.noiosito.it.




Fogarolo Flavio, Guastavigna Marco,  Insegnare e imparare con le mappe. Strategie logico-visive per l'organizzazione delle conoscenze, Centro Studi Erickson, 2013

Il volume - dedicato all'uso didattico e educativo delle mappe come strumento in grado di sostenere l'apprendimento attraverso l'organizzazione visiva, logica e funzionale delle proprie conoscenze analizza e confronta i tipi di rappresentazione grafica più efficaci, ciascuno con un diverso modello logico-visivo e con uno scopo cognitivo differente. Nel volume si forniscono inoltre indicazioni operative per migliorare l'efficacia delle mappe come strumento compensativo per gli alunni con difficoltà di apprendimento o inadeguato metodo di studio, nonché per ridurre i rischi sottesi al loro utilizzo come facilitatori (mappe fornite già pronte): banalizzazione dei contenuti, apprendimento meccanico, atteggiamento passivo da parte dello studente.