Home - i/stanze - la scuola scomoda

di Annamaria Palmierila scuola "scomoda"

  • giu 2017 - Don Milani, maestro scomodo, disubbidiente al servizio dell'eguaglianza - Segue la trascrizione dell'intervento introduttivo della giornata dedicata a Lorenzo Milani nel giorno del 50° anniversario della morte, organizzata ...
  • nov 2015 - La "pedagogia" di Pasolini e Don Milani -  Pasolini legge Lettera a una professoressa   Con questo giudizio [1] Pier Paolo Pasolini nel 1967 recensiva in un documentario televisivo la ...
  • set 2015 - Quel che più indigna… - Quel che più indigna chi ama la scuola davvero, avendo a cuore non solo le sorti e le storie individuali delle persone che vi lavorano (il che già di per ...
  • giu 2015 - La scuola buona... che c'è già - In questi mesi il chiacchiericcio, certamente non casuale, sulla “Buona scuola” si è occupato di alzare una cortina fumogena attorno alla scuola ...
  • dic 2014 - Il maestro e la riforma - Riflessioni a margine di un incontro con Massimo Recalcati Per anni ho lavorato nel mondo della formazione dei docenti, ora come supervisore della SSIS ora come ...
  • gen 2014 - "Napoli siamo noi" - A leggere le diagnosi politiche di fine anno e a guardare agli scenari che si profilano per il 2014, colpisce che un tema-chiave sia rimasto sinora sotto traccia in un ...
  • dic 2013 - Le scelte obbligate - Val forse la pena tornare a riflettere attorno all’offerta educativa di  asili nido e scuole dell’infanzia, che oggi sono, in modo sia simbolico ...

Di che cosa parliamo

La scuola, se è vera scuola, scomoda le coscienze e le scuote dall'indifferenza poiché è luogo e pratica di democrazia, di inclusione, di tolleranza, di convivenza solidale.
La scuola, se è vera scuola, è contraria al pensiero unico, al conformismo, alle mode, al quieto vivere perché è luogo e pratica di riflessione critica, di sguardo problematico, di pensiero divergente.
E per questo la scuola è scomoda.
È  scomoda perché pratica e rispetta le diversità e i disagi, ma spesso vi si lascia travolgere e inibire e allora diviene scomoda a se stessa.
E deve essere scomoda anche per tutti coloro che la vorrebbero luogo di competizione, di gara, di apprendistato all'arrivismo e alla prevaricazione.
In tal senso  la rubrica raccoglie e racconta momenti e situazioni di scuola "scomoda", talvolta anche per se stessa e spesso per i territori in cui come Istituzione vive e agisce.

L'autrice

Insegnante di liceo, collabora a contratto con la cattedra di letteratura italiana dell'Università Orientale di Napoli, attualmente impegnata come Assessore all'Istruzione del Comune di Napoli al servizio della scuola della sua città, intesa e praticata come diritto inalienabile e bene comune.


 

maestri copertina

Annamaria Palmieri, Maestri di scuola, maestri di pensiero, Aracne, Ariccia, 2015, pp. 246, 14 euro in volume, 8,4 euro in PDF

Nella storia dell’Italia post-unitaria la scrittura letteraria dei maestri-scrittori ha assunto un’importanza straordinaria, perché proprio la scuola ha dovuto affrontare i problemi fondamentali, e tuttora in parte irrisolti, di formazione dell’unità culturale, umana e linguistica della nazione. L’autrice affronta il nodo interpretativo di questa narrazione compiendo una scelta esemplare: tre ‘maestri’, Pier Paolo Pasolini, Leonardo Sciascia e Lucio Mastronardi, che sono stati scrittori e intellettuali e che hanno vissuto in un’aula scolastica un momento determinante della loro esperienza esistenziale. Per tutti e tre, la scuola fu il luogo di una delusione ma anche della denuncia, humus originario del loro impegno civile, contro la degenerazione del capitalismo e le storture di una società iniqua che vanificava l’utopia democratica ed egualitaria su cui la scuola di massa era nata o stava nascendo: eroi moderni del racconto di un’umile Italia che vive un’ultima stagione di ‘resistenza’ contro la trasformazione in una nazione senz’anima e senza cuore.               

Leggi la recensione su insegnare di Rosanna Angelelli

Per informazioni e ordini clicca qui